Kazari. L’arte di esporre il bonsai e il suiseki

“L’inizio di una nuova consapevolezza nel fare bonsai.” – “Il riferimento che mancava” – “Semplice, essenziale, diretto”

Questi ed altri sono i commenti che mi verrebbero da fare a Kazari, libro edito da Crespi Editori e scritto da Edoardo Rossi. L’argomento dell’esposizione è sempre stato considerato nell’ambiente bonsaistico un mero elemento di contorno (“tanto l’importante è che il bonsai sia bello!”) e non l’obiettivo a cui mirare nell’educazione dei propri bonsai.
Argomento non di facile digestione anche per gli appassionati più attenti e sensibili, in un mondo dove è vero tutto ed il contrario tutto, dove le regole sono dogmatiche per alcuni e nulle per altri.
Il volume ben strutturato e mai pedante, ci mostra con estrema chiarezza e semplicità quelle che sono le indicazioni – più che le rigide regole – per curare delle esposizioni armoniose il cui fine ultimo è emozionare il fruitore dell’esposizione stessa, chiamato di fatto a compartecipare alla bellezza della Natura. Curare le esposizioni equivale a curare ed accrescere la propria sensibilità, ma questo può e deve essere fatto spesso, e non come invece accade, quando ci si preoccupa dell’esposizione soltanto a ridosso di qualche mostra… che puntualmente si risolve nella scelta degli elementi meno peggio tra quelli a disposizione.
Il libro viene introdotto da importantissime figure quali Kunio Kobayashi, Susumu Sudō, Tomio Yamada, Giangiorgio Pasqualotto ed Aldo Tollini, che di per sé sono la garanzia della qualità intrinseca del testo.

Il grande formato ha permesso l’utilizzo di fotografie (tante fotografie) grandi e dall’ottima resa, dalle quali si evince maggiormente la cura e l’attenzione per la realizzazione di un libro dove nulla è stato lasciato al caso (finalmente un libro senza refusi, errori ortografici o d’impaginazione).
Insomma, il libro che mancava e di cui se ne sentiva davvero l’esigenza.
Congratulazioni ad Edoardo per aver creduto ed investito in un progetto di cui saremo in tanti a dirgli grazie!!!

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: